SPECIALE HALLOWEEN: UNA FESTA MOLTO PAGANA di Maria Caratti


Preparatevi per il lungo inverno.
Onorate la memoria delle persone a voi care
che non sono più su questo mondo.
Rallentate il vostro ritmo di vita.
Abbandonate le vecchie abitudini.
Chiudete le questioni ancora in sospeso.
Questa notte è magica per la divinazione.

Samhain è il primo sabba che inaugura quella che, esotericamente, viene chiamata “La Ruota dell’Anno”, e si celebra la notte del 31 Ottobre. Gli altri 7 sabba che compongono la Ruota dell’Anno sono:
– Yule (21 dicembre, Solstizio d’Inverno)
– Imbolc (1 o 2 febbraio)
– Ostara (21 marzo, Equinozio di Primavera)
– Beltane (30 aprile)
– Litha (21 giugno, Solstizio d’Estate)
– Lughnasadh (1 agosto)
– Mabon (21 settembre, Equinozio d’Autunno).

 

Samhain, importante festività pagana, viene anche detta “Il Grande Sabba” e vede risalire le sue origini addirittura alla tradizione celtica. E’ l’inizio dell’anno esoterico, a cavallo tra la fine della stagione estiva e l’inizio di quella invernale.
Segna l’avvento di un nuovo ciclo vitale, per il quale è necessario concedersi un momento di riflessione, chiudere le questioni ancora aperte che riguardano il passato ed aprire il proprio cuore e la propria mente al futuro, ai nuovi progetti, alle nuove iniziative.

Per i Wiccan, questo sabba sottolinea un momento di passaggio, di transizione, di mutamento e di evoluzione. Segna la vita, la morte e la rinascita della natura e dell’uomo stesso.
Samhain è la notte in cui vengono celebrate ed onorate le anime dei defunti poiché le barriere che separano il mondo mortale da quello divino sono più sottili.
E’ anche il momento più indicato per intraprendere studi che hanno a che fare con l’occulto e l’esoterismo o per dedicarsi alle divinazioni preferite. Le letture dei tarocchi o delle sibille, la divinazione con le rune, le predizioni con la sfera di cristallo, con oracoli vari, o con qualunque altro oracolo e strumento di profezia, sono tutte particolarmente favorite.

 

Samhain, oggi, ha perso molto della sua tradizione pagana, ed è più comunemente conosciuta in tutto il mondo come la Notte di Halloween o Vigilia di Ognissanti. Candele che brillano in un zucche dal volto sinistro… agghiaccianti storie di fantasmi… travestimenti da improbabili streghe…

Celebrate come preferite questo importante appuntamento.
La tradizione della Vecchia Religione non si è perduta nei secoli. Si evolve… si modifica… ma… felicemente… continua…. !!!

BUON SAMHAIN E BUON HALLOWEEN A TUTTI VOI!

 

Autore: Maria Caratti
Messo on line in data: Ottobre 2005