IN QUESTO NUMERO (53, Ottobre 2022)

La nostra Rivista on line

  • Articoli e Rubriche di Esoterismo, Magia, Stregoneria, Mistero, Divinazione.
  • Articoli e Rubriche di Benessere psicofisico, Medicina Naturale.
  • Articoli e Rubriche di Spiritualità.
  •  Interviste col mistero e Incontri con gli Autori e gli Editori.
  • Recensioni e segnalazioni di Libri.
  • Poesia e Narrativa.

In questo numero (14 Ottobre 2022)

ESOTERISMO DELLA BIBBIA: GESU’ E IL CIRENEO di Gaetano Dini
Nei tre Vangeli Sinottici (il Vangelo di Giovanni non ne parla) viene descritto che durante il percorso verso il Calvario Gesù non ce la fa più a portare la croce, debilitato come era dalla precedente flagellazione. Allora i Legionari romani videro in quel punto uno straniero, Simone di Cirene. Loro non potevano sapere che fosse uno straniero, questo glielo dissero certamente gli Ebrei stessi che indicarono Simone come la persona che doveva portare la croce…

MISTERI DELL’AMORE: LE FIAMME GEMELLE di Aurora
Le fiamme gemelle vengono create nello stesso momento: in realtà sono parte di un’unica fiamma viva e luminosa che si separa in due. Quindi sono, in realtà, una lo specchio dell’altra. Quando si incontrano provano una sensazione di completezza ed unione, è come ritrovare l’altra parte di se stessi. Può accadere però di non incontrare la propria fiamma gemella oppure di incontrarsi nel momento sbagliato…

IL BENESSERE SECONDO NOSTRADAMUS di Devon Scott
Nostradamus è noto in tutto il mondo per le sue Centurie, le cui profezie hanno fatto impazzire generazioni di studiosi nello sforzo di interpretarle. Ma egli fu anche uno scrittore poliedrico: pubblicò per anni, a partire dal 1550, un almanacco all’anno che, come disse un commentatore dell’epoca, si leggeva in campagna tanto quanto a corte e dava consigli per la salute di persone e animali, per le coltivazioni nell’orto e nel frutteto oltre a informazioni astrologiche. Fu anche un intenditore di cucina, di cui ci ha lasciato alcuni libri…

MITOLOGIA DEI ROMANI: ANTICHI DEI ITALICI di Gaetano Dini
Quando gli Indoeuropei, cui appartenevano anche le popolazioni italiche, abitavano le pianure nel Nord Europa, officiavano i loro riti sacri in quello che i Latini chiamavano Lucus, che era la radura cioè il Luogo della foresta dove filtrava la Luce del sole passando tra le fronde delle piante. Dalla parola Lux deriva il termine Lucus, cioè Luogo della Luce. Lucus è quindi il luogo magico dove filtra la Luce vincendo la semioscurità del bosco, della foresta. Quando le future popolazioni italiche migrarono nella penisola italiana, ricca di monti, queste popolazioni pre-romane cominciarono ad officiare periodicamente i loro riti sulla cima di quel monte, il più imponente tra quelli accessibili dai loro villaggi…

I TAROCCHI MOTIVAZIONALI (QUATTORDICESIMA PARTE): LA TEMPERANZA di Carlo De Rossi
La Temperanza, Arcano di equilibrio e moderazione, ci appare come un angelo capace di stabilizzare le forze opposte, armonizzando i conflitti, indicandoci la via verso l’umiltà e la prudenza. È collegata all’arte alchemica, alla trasformazione delle sostanze e ci rimanda al miracolo di Gesù che convertì l’acqua in vino. Per questo uno dei significati più affini a questa lama è la pazienza, la capacità di attendere che la trasmutazione avvenga, vivendo con pienezza l’attesa. Dopo la Morte, attraversiamo una fase di adattamento e centratura, riequilibrando le energie interiori; le pulsioni si sublimano in una ricerca di purezza e perfezione, elevandoci…

MESSAGGI DAGLI ANGELI (DICIOTTESIMA PARTE) di Satya
Chiedere  aiuto:  perché  è  necessario  e  come  chiederlo? Spesso la necessità di un aiuto esterno nasce dalla scelta dell’Anima di apprendere e sperimentare l’umiltà del chiedere. Ma non sempre la difficoltà del chiedere viene dalla mancanza di umiltà. Vi può essere una resistenza sottile per le sofferenze vissute, vi possono essere delle paure per dei rifiuti ricevuti in questa vita o nell’Antico. Ognuno deve fare i propri passi, le proprie azioni, ma anche saper serenamente chiedere aiuto nel fare, sostegno nel camminare. Ecco dov’è la grandezza dell’umiltà…

DANTE E IL SUO TEMPO: IL CANTO IX DELL’INFERNO E IL MESSO CELESTE di Gaetano Dini
La scena dell’arrivo di un Messo Celeste in soccorso di Virgilio e Dante, che non possono entrare nella città di Dite, è preceduta da questa terzina di intensa pregnanza esoterica: “O voi ch’avete li ‘ntelletti sani, mirate la dottrina che s’asconde sotto il velame de li versi strani”. Il Messo Celeste arriva sulle acque dello Stige e con una verghetta apre la porta della città di Dite, cinta da alte mura e sorvegliata da diavoli che hanno impedito l’entrata ai due poeti.
L’arrivo del Messo è preceduto da un suono possente e da un vento impetuoso…

MEDITAZIONE E CONSAPEVOLEZZA (PARTE TREDICESIMA) di Emanuela Cella Ferrari
Questa è una meditazione molto bella e rilassante che io pratico spesso: è la creazione del luogo del benessere interiore. Si può anche chiamare il luogo personale del cuore…

LE RECENSIONI DI OTTOBRE di Redazione