MESSAGGI DAGLI ANGELI (PARTE OTTAVA) di Satya

Questa rubrica raccoglie i Messaggi donati dagli Angeli, attraverso i channeling canalizzati da Satya, per accompagnarci in un Cammino di consapevolezza, di crescita e di evoluzione. Questi Messaggi sono raccolti nei libri di Satya, divulgati dall’Associação Cultural Suoni di Luce, www.suonidiluce.co

 

Il potere dell’Essere, il potere dell’Anima

Commento
La nostra Essenza richiede di essere espressa con umiltà, nella semplicità, con la forza interiore che vi è dentro ad ognuno. Possiamo definire questa forza: ‘Il Potere dell’Essere’, ‘ Il Potere dell’Anima’. Amata Anima Luminosa, comprendo che, apparentemente, queste espressioni possono sembrare opposte all’umiltà, ma non lo sono.  Questo è il Potere della Luce, dell’Amore, e si manifesta nell’umiltà, nella semplicità. Il Potere dell’Essere, il Potere dell’Anima, si contrappone al potere del mondo, della nostra personalità, che vuole dominare, possedere, dirigere, obbligare. Essi appagano l’ego, ma sono illusioni, creano sofferenza, portano a soffrire e a far soffrire.
Mentre il Potere dell’Essere fa gioire, appaga il cuore e l’Anima, manifesta l’Essenza, permette di vivere i propri talenti, ci porta ad esprimere tutti i sentimenti e le emozioni, ci dona la forza per vivere tutto. Il potere del mondo, della nostra personalità, crea prigioni, limiti, e impone, mentre il Potere dell’Essere fa andare oltre ogni limite, ci rende liberi, lascia liberi, aiuta a rendersi liberi. L’umiltà rende grandi, il Potere dell’Essere fa esprimere la grandezza dell’Anima, della Luce, nell’umiltà, nella semplicità, nell’Amore. Non è semplice parlare del Potere dell’Essere, del Potere dell’Anima, quando attorno a noi viene valorizzato il potere della personalità, dell’ego, del mondo. Non è semplice vivere il Potere dell’Essere, il Potere dell’Anima, quando si vive in situazioni dove è espresso l’altro potere, che domina, che imprigiona, quando si è fra persone che hanno scelto la conquista, il possesso di tutto, il dominio su tutti, attraverso l’uso e l’abuso del potere. E, spesso, si abusa del proprio potere con grande astuzia. Ovunque c’è la rincorsa a questo potere, con l’illusione di crearsi sicurezze, privilegi, ricchezze, di poter dominare. Ma, alla fine, si diventa prigionieri di se stessi, di queste illusioni, di queste conquiste, che si trasformano poi in prigioni.
Ecco perché esprimere la propria Luce, camminare su un Sentiero di Luce, difendere la propria Luce, difendere l’Amore e la Luce, richiede l’espressione continua, intensa del Potere dell’Essere.
Anima Luminosa, per quanto delle situazioni, dei fatti, dei rapporti, possono crearti momentaneamente una sensazione di impotenza, ricordati che nulla e nessuno ti può realmente imprigionare, può impedirti di vivere come vuoi e le scelte che hai fatto, perché sei una Scintilla Divina, sei Luce, e la Luce tutto può, tutto fa, tutto crea. Spesso, non esprimiamo questo nostro potere e non lo viviamo, per il timore di perdere qualcosa o qualcuno, di perdere delle sicurezze, o ciò che riteniamo dei vantaggi. In realtà perdiamo la nostra libertà, perdiamo noi stessi.

Domanda: L’espressione ‘Potere dell’Essere’ mi crea comunque una certa difficoltà…

Risposta: Questo accade perché hai conosciuto e subito il potere del mondo, il potere espresso dalla personalità. Mano a mano che conoscerai il vero significato di questa parola, il significato illuminato dalla Luce, accompagnato dall’Amore, esso non ti creerà più nessuna difficoltà. Quindi, poi, farai di tutto per conquistare questo ‘Potere’, sentendo che con esso puoi esprimere chi sei, il tuo Credo, con esso avrai la forza di camminare sicura, saprai Amare e aiutare con intensità. Scoprirai che il Potere dell’Essere sarà la chiave per rimanere ancor più umile, per vivere ancor più semplicemente. L’espressione del Potere dell’Essere richiede molta forza, perché permette di esprimere la Forza dell’Anima. Quindi, come doni attenzioni all’Anima, dona molta cura e attenzioni al corpo, perché nel corpo forte puoi custodire la Forza dell’Anima, la dolcezza del cuore. Molta forza viene richiesta per accompagnare l’Anima verso la Luce, per esprimere la propria Essenza, per difendere la propria Luce, per portare la Luce, per donare l’Amore, per aiutare. Se vivi la tua Essenza, scoprirai quanta forza vi è in te, conoscerai e sentirai quanto la tua forza permetterà alla Forza della Luce di entrare in te, ogni giorno di più. Con questa nuova forza, nulla potrai temere, perché sentirai la Mia forza nella tua, sentirai nell’espressione del corpo, l’espressione del Potere dell’Anima. Vivi nell’Amore e nella Luce, con umiltà tieni il tuo cuore candido: così potrai esprimere solo il Potere della Luce, dell’Amore, il Potere dell’Anima. L’Essenza è un Potere perché è parte della Luce, e la Luce tutto può. Questo ‘Potere’ non ha il significato che hai conosciuto finora, che il mondo conosce. Il Potere dell’Anima è la capacità di agire, è l’espressione dell’Essere in tutta la sua totalità, grandezza, luminosità. Il Potere dell’Essere è conseguire la capacità di ricongiungersi al Tutto, di fondersi con il Tutto, di accogliere il Tutto.  È la capacità di discernere, di scegliere, di prendere delle decisioni, di esprimere, di agire nella Luce e nell’Amore.

Domanda: Mi aiuti a comprendere cos’è il Potere dell’Essere?

Risposta: Con Amore ti aiuterò a riscoprirlo in te, a sentirlo nel tuo cuore, a viverlo totalmente. Se vivi pienamente la tua Essenza, se unisci il tuo cuore al Mio cuore, la tua mano alla Mia, più che mai ti sentirai forte, sentirai il Potere della tua Anima, il Potere dell’Essere. Ti sentirai dentro all’Amore che fa vivere il proprio ‘Potere’, scoprirai il grande mondo che è dentro di te, percepirai il Nuovo che ti sta attendendo. Ed è lì che ritroverai la tua saggezza Antica, e quell’Amore che ha accompagnato il tuo Cammino. E in quell’Amore intuisci l’Amore Nuovo che stai riscoprendo con Me. TenendoMi per mano, va’ nella Natura più che puoi, anche da sola, per apprendere cosa significa essere soli e non sentirsi soli. All’inizio, immaginaMi, e immagina che Io prendo la tua mano, e poi verrà tutto naturale perché sentirai la realtà vera, che ancora non vedi, ma che già puoi percepire, amare, sapendo che a questa realtà ti stai avvicinando. Vivendo la tua espressione antica e nuova, il Potere dell’Anima, saprai anche proteggere e difendere l’Amore, e dell’Amore le sue perle. Saprai entrare nei tuoi timori, accettare i tuoi bisogni, osservare ogni tua parte, accettare tutto di te. Il Potere dell’Essere ti porta a riconoscere le tue parti da amare, da perdonare, da comprendere, da lasciare andare, da esprimere ancor di più. Ti dona la compassione verso te stessa e verso gli altri. E nella compassione si osserva tutto, anche il proprio Potere.

Domanda: Questo mi può essere d’aiuto quando temo di non camminare bene nel mio Sentiero?

Risposta: Sì. Se in quel momento fai quanto ora ho detto a te, sarai certa che non solo il tuo cuore ascolterai, ma il Mio cuore sentirai, e l’Essenza del Mio cuore saprai trasmettere con il tuo cuore.Sarai serena, perché potrai dire: – Ora posso andare a trasmettere l’Essenza di un cuore che completamente nella Luce risplende, l’Essenza del mio Angelo – . Così il tuo cuore potrà trasmettere la Luce, l’Amore, la Mia Essenza. Quando qualcuno incontrerai, saprai sentire più che vedere, e comprendere così, se lì puoi le tue perle donare. Sentirai la forza di chi vive la propria Essenza anche senza conoscerla totalmente, perché la vera forza è lì: sentire di non comprendere nulla, di non avere la visione totale, la conoscenza vera, e comunque donarsi totalmente. Ognuno ha la sua storia, ma il Cammino luminoso richiede la stessa cosa: amare. Ogni viaggio fa apprendere saggezze, e in ogni viaggio queste possono essere espresse in modo diverso, ma sempre amando. Ogni momento può essere l’inizio di un’espressione nuova, di un’espressione della saggezza antica. Questa è la chiave: sentiti all’inizio della scoperta della conquista dell’Amore che hai sognato, che hai cercato, di una missione per la quale molto hai camminato, molto ti sei preparata. Scoprirai così cosa significa sentirsi nella propria missione, che non è sicuramente ciò che voi comprendete con queste parole. Scoprirai cosa significa vivere la propria missione, pur non conoscendola.
Piano piano, altre consapevolezze ti donerò, sul tuo essere in missione, sul sentirti in missione, sul conoscere la Luce di chi è in missione per la Luce. Ancora una volta così riscoprirai quell’essere apparentemente soli, ma non sentirsi mai tali. Ti sentirai di camminare lungo una strada da sola, ma sentendoti accompagnata, protetta, guidata. Questo fa parte dell’Amore, un Amore che abbraccia tutto e tutti, un Amore che si trova in tutto e in tutti, che si può esprimere a tutto, a tutti.
Manifesta la tua Essenza con il Potere dell’Essere, senza alcun timore, senza alcun limite. Proteggi le perle del tuo cuore, le tue conoscenze nuove, ma sappi anche donarle, condividerle, manifestarle. Molte saranno le occasioni e gli incontri in cui sarà necessario che tu dica: – Io questa sono, in questo credo, questo amo, questo ho scelto di esprimere, di vivere – .
Cammina serena, apriti all’Amore e sorridi: tutto accadrà più semplicemente, più in fretta di quanto tu possa immaginare ora, ed esprimerai il Potere dell’Essere. Se ti senti pronta per quanto una situazione ti richiede di vivere, di esprimere, sorridi e vivi tutto con gioia. Ma sorridi anche quando non ti senti pronta, perché quello è apprendere un nuovo per il Nuovo che vivrai, è sperimentare un’espressione nuova per l’espressione nuova che conquisterai. Ricorda che, se terrai il cuore unito al Mio, se saprai essere completamente spalancata al Mio Amore, esprimerai anche la Mia Essenza. Così farai riaffiorare la tua Essenza, sempre di più saprai esprimere l’Essenza dell’Amore, della Luce, di te, e quindi sarai sempre pronta a vivere tutto. Questo è un Cammino con tante tappe. Ogni tappa è nuova e porterà a te un nuovo, se il tuo cuore rimarrà leggero, spalancato, unito al Mio. Sorridi a quanto ora stai vivendo, stai donando, sentendoti in missione, e così scoprirai il significato della parola missione. Vivi nell’Amore, nella chiarezza, perché nella chiarezza l’Amore cresce. Vivendo con tutto il tuo Essere, con tutta l’intensità in tutto, sentirai dentro di te il tuo Potere dell’Essere. È così che lo scoprirai, e gusterai la libertà, gusterai la serenità continua, gusterai la pace. Ho usato proprio la parola ‘gustare’ perché non è conoscere, ma è assaporare ed essere appagati totalmente.

Domanda: Come posso esprimere il Potere dell’Essere, il Potere dell’Anima? 

Risposta: Per esprimere il Potere dell’Essere in tutto, con tutti, soprattutto con se stessi, spesso è necessario sciogliere delle cose, lasciar andare i bisogni, le necessità, affrontare difficoltà, sfide, fare delle scelte che molto richiedono, vivere delle espressioni con molta forza. Quando esprimi il Potere dell’Essere, ciò che ora puoi sentire come difficoltà, la sentirai una delle tante cose che fanno parte del tuo Cammino, delle lezioni da apprendere, e niente più. Metti tutto il tuo impegno per vivere totalmente la tua Essenza, per esprimere il Potere dell’Essere. Così vivrai nella libertà totale, il tuo cuore sarà in pace, sereno, totalmente appagato, la tua Anima libera. Senti di conquistare la libertà, la forza, la bellezza, la grandezza, la luminosità, l’immensità della tua Essenza, conquisterai così il Potere dell’Essere, dell’Anima, della Luce, dell’Amore. È con questo Potere che saprai vivere solo per la tua Anima, accompagnare la tua Anima alla meta che hai scelto, permettere alla tua Anima di vivere tutto ciò che ha scelto. È con questo Potere che vivrai ininterrottamente nella Luce, nell’Amore, che porterai l’Amore del Cielo sulla Terra. Il Potere dell’Anima ti aiuta a riconquistare tutta la tua Essenza, esprimere tutta la tua Luce, riconquistare la libertà vera, l’Amore.
Non sempre ciò che ora conosci come libertà e Amore in effetti lo sono. In parte libertà e Amore conquisterai, perché sarà una libertà nuova, un Amore nuovo; in parte li riconquisterai, perché con l’Amore e nella libertà già hai vissuto. E vivendo nella libertà nuova, con l’Amore nuovo, emanerai la felicità con tutto il corpo, la luminosità esprimerai in tutto il corpo, perché non sono emozioni, non sono espressioni, ma sono e saranno parti di te. Ecco perché la felicità sarà ininterrotta, qualsiasi cosa accada attorno a te, dentro di te, perché sarai un’Anima Luminosa, libera nelle espressioni, in tutto, ovunque, con chiunque. È così che, vivendo nell’umiltà, nella semplicità, sarai grande. Lascia andare ogni timore di perdere la tua personalità, o qualcosa, o qualcuno, mentre stai conquistando la tua libertà, perché non perderai nulla, ma ti libererai da tutto, per conquistare il Tutto, per assaporare il Tutto. Andrai così oltre all’appagamento che ora conosci, che ora desideri, che ora puoi immaginare, che ora puoi sognare.
Credi in te, come Io credo in te. Credi nella tua Luce, e ben di più amerai la Grande Luce. Credi nel tuo Potere dell’Anima, e ben di più riconoscerai il Grande Potere: il Potere della Luce. Ciò che all’inizio ti può sembrare una rinuncia, vedrai poi come conquista, come passi verso la libertà. Questo comprenderai totalmente, sempre solo dopo aver fatto le scelte, che, naturalmente, richiedono un lasciar andare, e solo dopo che le avrai vissute. Con il Potere dell’Anima vivrai nel mondo, camminerai nel mondo, e non subirai più nulla del mondo, nemmeno il potere del mondo. Con il Potere dell’Anima esprimerai la tua Luce, vivrai nell’Amore. Quindi, non esprimerai più il potere della personalità, un potere che porta alla sofferenza, fa soffrire se stessi e gli altri, anche se talvolta, apparentemente, questo non sembra. Sii sempre attenta, sempre vigile, perché mai come nel conquistare il Potere dell’Anima, può presentarsi il rischio di perdersi ancora una volta nell’ego, nell’orgoglio. Ma tenendo la tua mano nella Mia, camminando nell’umiltà, vivendo nella semplicità, questo non può accadere.

Domanda: Mi parli della personalità?

Risposta: Immagina un grande castello con molte stanze, con le porte aperte. Poi vedi te dentro a questo castello, andare di stanza in stanza. Puoi comprendere che, anche se ti muovi da una stanza all’altra, in realtà questo castello ti imprigiona. Così è la personalità. Molte persone si sentono libere per il fatto di poter fare ciò che vogliono, di dire ciò che desiderano, mentre in realtà hanno molte prigioni. Queste possono essere i sentimenti, i bisogni, i desideri, i progetti, le illusioni, e le costruzioni fatte dalla personalità. Ascolta questa sensazione di essere imprigionata lì, in questo castello, e farai di tutto per uscirne. Non lo vedrai più come un bel castello, non lo sentirai più come un riparo, una protezione, una sicurezza, ma solo come una prigione. Sentirai che vuoi essere libera per amare, per vivere realmente.

Domanda: Queste stanze del castello, sono forse tutte le cose che ora ritengo importanti?

Risposta: Non sempre sono queste e non solo sono queste. La personalità ha creato tante altre stanze. Le stanze sono anche ciò che impedisce di vivere innanzi tutto l’unione con l’Universo, con tutti e con Tutto. Ciò che impedisce all’Anima di essere libera, ciò che impedisce di seguire innanzi tutto l’Anima. Ma ora non pensare e non dire: – È tutto sbagliato, non conosco nulla, o conosco ciò che è sbagliato – .
Con serenità puoi dire: – Forse qualcosa, forse tutto, è un’illusione. Ora libero la mia Essenza, lascio libera la mia Anima, seguo innanzi tutto la mia Anima – . Così facendo scoprirai le stanze che ora non conosci, uscirai dal castello, vivrai libera.

Domanda: Quando mi dici di lasciare andare la mia personalità, temo di dover comportarmi come qualcun’altro…

Risposta: Ognuno è un fiore con i suoi colori, con il suo profumo. Emanare il proprio profumo non richiede parole, azioni, ma semplicemente lo si emana. Nessuno deve imitare qualcuno, perché anche questo sarebbe un illudersi, un creare ancora mura, semplicemente cambiando tipo di mattoni. Ognuno emana la propria Essenza ovunque, con chiunque, ininterrottamente: questa è la libertà.

Domanda: Lasciando andare la mia personalità, temo di perdere la mia individualità. 

Risposta: Questi timori vi sono perché ancora la tua Essenza è imprigionata. In un Cammino luminoso non ti verrà mai chiesto di accettare convinzioni altrui, ma semplicemente di espandere la tua Essenza, di ascoltare la voce della tua Anima, che non crea convinzioni perché ciò che l’Anima dice, si sente, non è un qualcosa della mente. È imparare a sentire, a comprendere, ad apprendere, con il cuore libero, guarito, è lasciare libera l’Anima di esprimersi, di vivere il viaggio scelto. Non dar spazio al timore di perdere la tua personalità, donalo a Me. Senti che stai conquistando la tua individualità, manifestando la tua Essenza, e per questo gioisci. Quando togli una corazza, festeggia, e sentirai che questa non ti proteggeva, ma ti impediva di ricevere e donare la Luce e l’Amore. Quando togli un vestito della personalità, festeggia, e sentirai che questo non ti riparava, ma copriva la tua Essenza. Quando vedrai cadere il castello creato dalla tua personalità, festeggia, e scoprirai che non era una sicurezza, ma una prigione. In tutto questo credi intensamente, perché per togliere corazze, vestiti, per far crollare il proprio castello, è necessario un grande Credo e tutta l’intensità nell’agire. Questo perché solo quando sarai fuori dal castello, priva di tutti i vestiti, delle corazze, assaporerai la gioia di poter correre libera nei prati come una bimba, di sentire i raggi della Luce, l’Amore nel cuore, l’ebbrezza dell’Anima libera. E ricorda che, se vorrai, in tutto ti aiuterò, tutto assieme faremo.

Domanda: Cosa è necessario per togliere tutto ciò che il mio ‘io’ ha costruito?

Risposta: È necessario un grande Credo, una scelta profonda, e la tua forza. Con il Mio Amore ti accompagnerò nel ritrovare la tua Essenza, e ti aiuterò ad esprimerla totalmente. ChiediMi di donarti la Mia forza, per essere più forte nel togliere ciò che ricopre la tua Essenza, per conquistare più in fretta la tua Essenza. Nei momenti intensi, nelle situazioni non semplici, pensa che questi potrebbero essere dei grandi aiuti che ti sto portando per togliere tutto molto in fretta. Possono essere anche delle piccole cose, perché il sottile della personalità fa parte di un invisibile, ed è formato da piccole cose. Quando l’ ‘io’ è sfiorato, o una piccola parte del tuo castello viene tolta, puoi sentire quel momento molto forte, ma dopo sentirai una grande gioia e sarai serena. Sii attenta ad ogni cosa, in ogni momento, anche dove senti che tutto è fluido. Sii attenta ad ogni situazione, anche a quelle dove non vedi niente di importante per il tuo Sentiero, perché potrebbero essere proprio quei momenti, quelle cose, quelle situazioni, che ti permettono di scoprire molto, di apprendere e di crescere in fretta. Chiedi a Me di aiutarti ad essere vigile per scorgere in ogni cosa ciò che vi è da trasformare, da togliere, da lasciare andare, o ciò che vi è da rafforzare. L’ ‘io’ ha anche un grande sottile. Fa’ sì che scoprire questo sottile sia solo un momento di gioia, perché scoprendo il sottile dell’ ‘io’, lo puoi togliere, e, quindi, puoi percepire il sottile luminoso della tua Essenza, e di tutto ciò che ti circonda. Quando vi è un attimo di timore, di’ ad alta voce: – Chissà come sarò, quanto luminosa sarà la mia Essenza, quando tutto avrò illuminato – . Ecco che dentro di te si muoverà la bimba a cui piace scoprire, avventurarsi, e che ti condurrà alla meta, che ti renderà libera. Ma, naturalmente, a queste domande che esprimerai in quei momenti di timore, non devi dare le risposte con la tua mente, perché questa addormenterebbe la tua bimba. Riconosci il tuo ‘io’ o il sottile del tuo ‘io’, con la gioia di essere riuscita a riconoscerlo, scioglilo nell’Amore, con la compassione totale.

Domanda: Saprò riconoscere le mie prigioni?

Risposta: Con gioia ti aiuterò in questo. Tutte le prigioni si possono riconoscere quando vi è la scelta di riconoscerle, l’umiltà di accettarle. Una volta riconosciute, ricordati di uscirne in fretta. Quando si è dentro una prigione, anche se la porta è aperta, non è detto che vi sia molto tempo per uscirne, perché può accadere in un attimo che la porta si richiuda. E anche uscirne è una scelta. Sii umile nel riconoscere le tue prigioni, nell’uscirne in fretta, perché l’uscirne è sempre una tua scelta, sarà sempre una tua scelta. Io sarò al di là della porta, pronto ad abbracciarti.

Domanda: Come posso trasformare quanto la mia personalità ha costruito?

Risposta: Immagina di avere davanti a te una costruzione. Vedi te prendere assieme a Me i mattoni di questa costruzione, ad uno a uno, vedi le Mie mani trasformare con la Luce questi mattoni, per creare poi una nuova costruzione. È un lavoro che hai già iniziato, inconsapevolmente, con il Risveglio, ecco perché non lo devi temere. È un lavoro che si può trasformare in un gioco, e così non ti richiederà fatica, non creerà pesantezze.  Quando avrai terminato la nuova costruzione, dentro di te tutto sarà fiorito, rafforzato, e Io sigillerò il tutto. Lo chiamo lavoro solo perché tu lo possa sentire come un impegno importante, un impegno che richiede la tua presenza, la consapevolezza di essere lì, l’attenzione nel fare tutto. Ma mano a mano che farai tutto ciò, sentirai solo la leggerezza di una libertà nuova, la leggerezza che accompagna l’espressione dell’Essenza, e lo sentirai un bellissimo gioco. Non ti dico di buttar via ciò che appartiene alla costruzione della tua personalità, perché saranno gli stessi mattoni che creeranno un qualcosa di indistruttibile, dopo che assieme li avremo trasformati con la Luce, avvolti con l’Amore. Questo accade sempre in un Cammino di Risveglio.  Ecco perché è indispensabile saper prendere in mano le proprie perle anche quando sono ricoperte dal fango, non solo dalla polvere. Solo prendendole in mano si possono ripulire, possono far parte poi dei propri tesori, possono essere donate. Chi non ha il coraggio di affondare le mani nel fango, di prendere in mano le perle, anche se sono sommerse da tante cose, non può poi farle brillare, e far brillare i propri tesori, quindi nemmeno donarli. Ogni volta che farai questo gioco immaginati così, immagina che ogni mattone diventi luminoso per costruire una costruzione luminosa. Così saprai far brillare le tue perle. E non temerai di prenderle in mano, anche se non sono risplendenti. È così che accade la grande trasformazione, che, poi, viene sigillata, e niente e nessuno ti può far ritornare come prima. Chi non vuole guardare la propria costruzione, accettarla come un qualcosa di scelto, o forse portata dall’Antico, non può gioire poi, perché tutto va trasformato, e, anche se vi saranno parti da lasciare andare, vi è sempre qualcosa che va semplicemente illuminato, che diventa, quindi, una ricchezza da donare. Con umiltà saprai guardare ogni parte di te, con la consapevolezza necessaria, con l’Amore necessario, saprai togliere i mattoni con la felicità di aver la capacità di trasformarli. Questo lavoro non finisce mai, perché, quando si pensa di aver ripulito il castello della propria personalità, si scoprono le fondamenta. Ma, mano a mano, si diventa sempre più forti, più gioiosi, sempre più ricchi, perché basta aver trasformato un mattone per aver già qualcosa nelle mani da donare. Come non ti sei accorta di ciò che hai già tolto, già trasformato, perché avvolta dalla Luce, dal Mio Amore, così non farai fatica a trasformare ora tutto consapevolmente, perché in te vi è molta forza, e Io ti donerò la Mia forza, perché in te vi è molta Luce, che, insieme con la Mia Luce, tutto trasformerà.

Domanda: La personalità può creare difficoltà anche nei rapporti?

Risposta: Certamente sì. La personalità crea molte difficoltà nei rapporti. Finché vi è la personalità, molto viene vissuto con la mente, molto viene fatto per i propri desideri o bisogni, si è spinti dai propri timori, difficilmente si accettano le diversità degli altri, non si lascia tutti totalmente liberi. Quando incontri un cuore, puoi essere attratta da una parte della sua Essenza che può risvegliare la stessa parte che è già in te, ma è ricoperta dalla tua personalità. Fa’ molta attenzione perché tu stessa puoi manifestare quell’Essenza, e puoi, con serenità, aiutare quel cuore ad esprimerla. Ma non allontanarti quando incontri un cuore che non ti attrae, perché, forse, lo puoi aiutare ad estrarre la sua Essenza luminosa, forse lui, per quanto ti fa sentire, può essere un aiuto per superare tante cose, vincere in tante cose. Anche lì, è necessaria la serenità, la semplicità, il candore, la dolcezza, l’Amore. E sii attenta, vigile, perché può accadere che incontri un cuore che non ti può aiutare in nulla, che non ha scelto di esprimere la sua Essenza, nemmeno con il tuo aiuto, e che può essere un pericolo, perché potrebbe offuscare la tua Luce, risvegliare una parte della tua personalità già lasciata andare. Talvolta sono le parti della propria personalità che attraggono situazioni o persone che possono essere pericolose. Ecco perché, quando manifesterai solo la tua Essenza, il tuo andare sarà gioioso e sicuro, e vivrai serenamente tutti i rapporti.

Domanda: Temo di togliere queste parti della mia personalità, perché sento come di spogliarmi…

Risposta: Ricorda che Noi, per ognuno che ha il coraggio di spogliarsi per esprimere chi è, creiamo delle vesti che riparano più delle armature, più degli scudi, e che donano la Nostra protezione totale. Non temere, non sentirai freddo, non accadrà nulla che ti potrà ferire. Credi in questo intensamente e supererai questo timore. Serenamente vivi con la gioia di poter finalmente esprimere chi sei, e risplenderai nella tua Essenza, non temerai nessun giudizio, scoprirai quanto è bello indossare solo le Nostre vesti. Dona a Me il tuo timore e ascolta il tuo cuore. Sentirai che non vi è nulla da temere, perché lasciare andare la personalità è conquistare la libertà, è raccogliere molto, permette di risplendere totalmente, e fa gioire.

Domanda: Ho riconosciuto la mia personalità, l’ho accettata e sto cercando di lasciarla andare, ma sento che dietro vi è un sottile che mi sta creando confusione.

Risposta: Dona a Me questa confusione e chiediMi di aiutarti. Ricorda che chi è certo che il proprio cuore è colmo di tesori, non desidera i tesori degli altri, non certo guarda la forma, i colori, la lucentezza dei tesori degli altri e ha solo un desiderio: aiutare gli altri a scoprire i loro tesori. Ecco perché scoprire i propri tesori fa nascere il desiderio di amare, di aiutare. Pensa a questo, e sii certa che con Me accanto scoprirai questo sottile, serenamente lo accetterai, lo trasformerai, nella gioia, con l’Amore. Questa è una tappa che richiede molta attenzione, un cuore candido, ed essere staccati da tutto. Se sei giunta a questa tappa, sei ancora più pronta a lasciare andare tutte le vecchie conoscenze e conquiste, perché ora comprendi che non ti servono più, e che hanno avuto il loro tempo. Con questa consapevolezza, puoi lasciare più tempo e spazio alla tua Bimba interiore, affinché lei possa giocare e aiutare altri cuori a lasciare spazio e tempo ai loro Bimbi interiori. E le magie accadono proprio quando tutto il sottile è stato trasformato, e la Bimba che è in te ha tutto lo spazio per uscire in tutta la sua bellezza, per donare tutta la sua saggezza. Ricorda che è questa Bimba che affascinerà, che ti condurrà verso la tua meta, gioendo, giocando. Scopri questo sottile con entusiasmo, e lo trasformerai gioendo, cantando, perché sentirai che stai conquistando la libertà. Ecco che questi passi saranno leggeri, non richiederanno nessuna fatica, e li farai solo nella dolcezza, nell’amorevolezza, nella gioia. Crescerà così ancora di più l’entusiasmo di continuare il tuo cammino. Scoprire il sottile, scioglierlo e trasformarlo, completa l’opera di trasformazione, di guarigione, di illuminazione. Pensa al contadino che prepara la terra per i semi, per i fiori: quando inizia ha bisogno di vanga, di arnesi affilati, la terra gira e rigira, se vi sono sterpaglie le toglie, se vi sono sassi li estrae. Poi, quando tutto è sistemato, con le sue mani il terreno ha preparato, ritorna nuovamente con le mani nella terra, ma questa volta solo per far posto ai semi, per appianare la terra, in modo che il fiore cresca con facilità. Chi ha vangato, arato, tolto, è giunto qui, dove ora tu sei, e il ritornar con le mani sulla terra non deve far pensare, o far temere di dover fare la stessa fatica, di dover incontrare le stesse difficoltà conosciute mentre si è arato. Quel toccare nuovamente la terra sarà solo dolce, creerà solo il piacere che si prova nel creare posto ad un fiore, affinché cresca facilmente. In questa tappa serve molta intuizione, un sentire luminoso, pulito da altri sentimenti e sensazioni, ed essere staccati da tutto.

Domanda: La personalità può offuscare il mio sentire?

Risposta: Naturalmente sì. Non è facile avere il sentire, l’intuire, reali. Essi richiedono un cuore libero da tutto. Solo se la personalità si è addormentata, si è lasciata andare, si può sentire la realtà, vivere la propria Essenza. La personalità può offuscare molto la realtà e porta a far credere di aver intuito giusto, mentre si è ben lontani dalla realtà. Tenendo il cuore sempre candido, lasciando spazio ai Bimbi interiori, semplici, gioiosi, camminando nell’umiltà, si arriva al sentire puro, all’intuizione reale.

 

Commento
Amata Anima Luminosa, comprendere che vi sono cose da trasformare, da illuminare, parti di personalità da lasciar andare, potrebbe indurti a pensare che qualcosa di te non va bene. Non è assolutamente così, tu sei già bellissima perché sei una Scintilla Divina. Semplicemente gli Angeli ci aiutano a comprendere cosa fare per risplendere in tutta la nostra bellezza, manifestare e vivere totalmente la nostra Essenza luminosa. Spesso questa è ricoperta dalla nostra personalità, soffocata dal nostro ego. Noi tutti siamo Anime, quindi Scintille Divine, in quanto parti della Grande Luce. Come Anime, abbiamo una nostra Essenza individuale, risplendente, con tutti i tesori raccolti di vita in vita, preziosa per tutta la saggezza e i talenti acquisiti nei viaggi fatti.
Incarnandosi su questo pianeta, quasi sempre la nostra Anima sceglie di fare questo viaggio senza darci subito la consapevolezza di chi siamo, e le conoscenze che poi scopriamo con il Risveglio. Questo, per poter vivere ciò che abbiamo scelto di vivere, per apprendere nuove lezioni, per fare nuove conquiste, fra tanti limiti. Con il Risveglio scopriamo che in realtà non esistono limiti, riconosciamo il grande potenziale dell’Anima che ci permette di andare oltre a questi limiti, che ci aiuta a vivere da Anime Luminose. Ciò che all’apparenza può sembrare un ostacolo, una difficoltà, diventa un’occasione di crescita, una possibilità di evoluzione. E l’ostacolo principale, la difficoltà più grande da superare, siamo proprio noi stessi, con la nostra personalità, con l’ego, e con il nostro ‘io’ che vuole imporsi ovunque… La personalità è fatta dall’insieme delle nozioni che abbiamo acquisite dal mondo e nel mondo, fin dalla nascita, spesso lontane dalla conoscenza dell’Anima. Comprende modi di comportamento appresi negli anni, tecniche di difesa, di protezione, create soprattutto dopo che abbiamo vissuto traumi, conosciuto sofferenze. Con esse crediamo di evitare altre sofferenze, di proteggerci da tutto, da tutti, mentre, in realtà, impediamo ai nostri Bimbi interiori di esprimersi e di vivere spontaneamente, nella semplicità, nella libertà. La personalità crea le astuzie, i cosiddetti ‘giochi’, che usiamo per avere accanto determinate persone, per avere ciò che vogliamo, per creare dei vantaggi. Anche questi ‘giochi’, in realtà, impediscono ai nostri Bimbi interiori di vivere liberi, di giocare, di gioire. Sappiamo bene quanto è facile manipolare e farci manipolare con queste ‘astuzie – giochi’. In realtà, incateniamo e ci facciamo incatenare, dalla possessività, dai bisogni, dalle paure di rimanere soli, dai timori di perdere quanto abbiamo, di non ricevere quanto gli altri ci potrebbero dare.
Molti nostri comportamenti sono influenzati dalle reazioni che abbiamo verso l’ambiente in cui viviamo, le difficoltà che incontriamo. La personalità è l’insieme di tanti ‘mattoni’ con i quali abbiamo costruito, e continuiamo a costruire, cose, situazioni, che riteniamo sicurezze per il presente, garanzie per il futuro. Solo dopo che le abbiamo lasciate, comprendiamo totalmente quanto esse possono essere delle prigioni. Molto di tutto questo ci viene insegnato, molto lo apprendiamo con ciò che viviamo. Molto ci viene impresso dalla società direttamente o indirettamente, con esempi di vita confortevoli, di leader di successo nei vari campi economici, politici, scientifici, di spettacolo, religiosi, ecc. La nostra mente ci fa così rincorrere continuamente quanto crediamo necessario, indispensabile, mentre spesso in realtà non lo è. La mente ci spinge ad imitare modi di vita e questi leader, mentre la nostra Anima ci spinge ad esprimere la nostra Essenza, e vivere come sentiamo giusto per noi. Questa è la mente limitata, condizionata da tutto ciò che ha appreso, da tutto ciò che le è stato inculcato, non è certo la mente intesa come capacità di comprendere, scoprire, intuire. Ecco perché gli Angeli ci insegnano ad apprendere con il cuore, a sentire più che a capire, ad allontanare questa mente limitata per dar spazio al cuore, alla saggezza dell’Anima.
Per esperienza diretta e indiretta, ho conosciuto molte delle ‘corazze’ che ci mettiamo per difenderci, i ‘vestiti’ che indossiamo per nasconderci e quanto spesso cerchiamo di celare qualcosa di noi dietro a dei ‘veli’. Ci rendiamo conto di tutto questo, solo via via che li togliamo. Così scopriamo quanto tutto ciò, invece di ripararci, impedisce ai raggi del sole di riscaldare il nostro cuore, invece di proteggerci, ci impedisce di ricevere, di donare. Siamo realmente dei costruttori di ‘muri’, talvolta usiamo anche l’acciaio… Riteniamo questi delle sicurezze incrollabili, mentre in realtà sono prigioni che ci impediscono di camminare liberi, che impediscono agli altri di avvicinarsi a noi, di camminare assieme a noi. Durante il Cammino di crescita, vi può essere anche il rischio di sostituire l’ ‘io’ della nostra personalità con l’ ‘io spirituale’. Esso ci può portare a sentirci superiori agli altri per le conoscenze che abbiamo appreso, ci può far sentire più evoluti, ci può far credere di essere solo degli insegnanti e non più degli alunni. Questo ‘io’ è molto più pericoloso di quello che abbiamo lasciato.
Rimango ancora esterrefatta quando mi accade di vedere fatti o situazioni che confermano quanto forte è la personalità. Sembra sparire, invece è sempre in agguato, pronta ad uscire quando meno ce l’aspettiamo, quando siamo certi di averla lasciata andare. Più camminiamo nella Luce, più è necessario essere vigili, attenti, alla nostra personalità, al nostro ego, e ancor di più alla nostra mente, perché anch’essa diventa più abile e crea dei modi sottili per imporsi. Vi è anche il rischio di servirsi delle conoscenze del Cammino di crescita per entrare nell’intimo delle persone che ancora non le conoscono, per apparire ciò che non si è, per circuire, per ottenere ciò che si vuole. Qui la nostra responsabilità è totale, perché è abusare consapevolmente delle conoscenze dell’Anima. Ma se diamo spazio ai nostri Bimbi interiori, camminiamo nell’umiltà, aiutiamo con semplicità e Amore, nessun rischio vi sarà, perché i Bimbi sono candidi, semplici, spontanei, non ascoltano la mente, danno spazio al cuore, e vivono tutto giocando. Non vi saranno rischi se diamo la mano ai nostri Angeli e chiediamo a Loro di aiutarci a comprendere quando e dove diamo spazio alla personalità, all’ego, all’ ‘io’. Non vi saranno rischi se teniamo il cuore candido, aperto all’Amore, se lasciamo libera la nostra Anima, se siamo disposti a tutti i cambiamenti necessari per seguirla. Se faremo questo, la nostra personalità non avrà modo di ritornare, e la nostra Essenza fiorirà, risplenderà, emanerà tutto il suo profumo. Così cammineremo sereni, vivremo nella gioia, nella pace.

 

Autore: Satya
Messo on line in data: Giugno 2019
L’articolo è estratto dal libro Ti sono accanto di Satya.

Satya è Maestra Reiki e channeler da più di 24 anni. È terapeuta olìstica e counselor, ha accompagnato molte persone in un Cammino di crescita personale e spirituale e sta accompagnando un gruppo. Satya ha scelto lo pseudonimo affinché ognuno la possa sentire solo come Anima in Cammino. I messaggi donati dagli Angeli hanno trasformato la sua vita e hanno aiutato molte persone. Inoltre possono accompagnare in un Cammino di consapevolezza, di crescita e di evoluzione. Per questo Satya sente come suo ‘compito’ divulgare questi messaggi.