LA MAGIA DEI NUMERI di Emanuela Cella Ferrari

La numerologia è un’antica arte divinatoria, le cui origini risalgono a migliaia di anni fa. Gli antichi Maya credevano al significato mistico dei numeri, come gli astronomi e i maghi assiro-babilonesi, i quali furono i primi ad affermare che la struttura dell’universo può essere spiegata in numeri.
Quindi, fin dall’antichità, ai numeri è stato attribuito un fascino ed una magia particolare. Ad ogni numero veniva attribuito un significato diverso. Vediamo, ora, l’essenza ed il simbolismo dei numeri principali.

Il numero 1 rappresenta l’unità primordiale, onnipotente e maschile. E’ il seme, l’inizio, quando la forza della vita è spinta a manifestarsi per esplorare ed affrontare la novità.
E’ il centro, l’origine di tutto; rappresenta la capacità di dominare e di vincere, di essere migliore di tutti gli altri. E’ l’archetipo, il modello a priori al quale la cultura si adatta. La sua essenza è l’ATTIVAZIONE. Esso è il pioniere che affronta l’ignoto con coraggio e ricorre alle sue risorse creative per risolvere qualsiasi problema. E’ originale ed individualista perché non è influenzato da esperienze precedenti.

Il numero 2 è il risultato della divisione dell’uno.
E’ la coppia: nel creato tutto è diviso in dieci coppie di categorie opposte come il bene e il male, il maschio e la femmina, la luce e il buio, notte e giorno, bianco e nero, yin e yang.
L’essenza del due è l’ATTRAZIONE. Il due è un numero ambiguo e complesso, significa divisione e contrasto, ma può anche indicare complemento.
Il fascino di questo numero è proprio nel fatto di essere simbolo di opposizione, di conflitto; ma, nello stesso tempo, parla anche di equilibrio, precisa separazione tra valori opposti e diversi. Il due si contrappone al tre. Esso svolge il ruolo simbolico di coppia che alimenta, nella visione esoterica ed alchemica, la valenza del dualismo. Due è il periodo di gestazione in cui il seme dell’uno viene raccolto e seminato e le cose e la vita cominciano a formarsi. Esso è il principio del matrimonio tra due distinte unità.

Il numero 3 è definito il numero perfetto.
Da millenni il tre è indicato come il numero magico per eccellenza, quasi un segno divino o infernale. Significa armonia, equilibrio, simboleggia la forza trascendente e riproduttiva, la perfezione. Nel Vangelo, come nella Bibbia, il tre ha un significato essenziale: tre sono le parti del tempio, tre i figli di Noè, tre i giorni di tenebre nell’Egitto prima dell’esodo, tre furono gli apostoli accanto a Gesù nell’orto degli Ulivi, e per tre giorni Cristo restò nel sepolcro prima di risorgere. Nei suoi significati magico-esoterici il tre assume delle valenze molto sfaccettate, in modo particolare quando si collega alle figure geometriche e, specificatamente, al triangolo. In questo caso è indicato come ” sintesi spirituale”, formula di ciascuno dei mondi creati: nascita, zenit, tramonto. L’essenza del tre è ESPANSIONE. Il matrimonio del due dà luogo alla crescita e allo sviluppo del tre. E’ il numero più creativo in assoluto, simbolo stesso della Creazione.

Il numero 4 simboleggia la solidità, la forza, la giustizia.
Si collega anche ad un’altra figura fondamentale: la croce, dove lincrocio di due linee determina due settori e suddivide lo spazio in quattro parti.
La suddivisione dello spazio rimanda ai quattro punti cardinali, ai quattro elementi (aria; terra, cielo, acqua), ai quattro venti, ai quattro pilastri della terra: è un richiamo continuo in cui il numero quattro ha un ruolo fondamentale. Non a caso, infatti, per indicare il potere di un re o un imperatore, si dice: “signore delle quattro parti del mondo”.
L’essenza del quattro è la SICUREZZA. Esso simbolizza i limiti che proteggono dagli eccessi del tre; quindi suggerisce solide fondamenta che chiudono e proteggono.

Il numero 5 era considerato un numero dinamico e di espansione.
Secondo la tradizione esoterica, esso è la raffigurazione dell’uomo posto a gambe e braccia aperte, ed è anche l’espressione dell’universo equilibrato; due assi, uno verticale ed uno orizzontale che passano per il centro, luogo di perfezione ed equilibrio.
Il legame che unisce il numero cinque all’uomo è rappresentato dai cinque sensi; attraverso i quali l’uomo entra in contatto con l’ambiente che lo circonda.
Numerosi valori sono attribuiti a questo numero: la stella a cinque punte, l’armonia del pentagono. Nella magia la maggior espressione di questo numero è il pentagramma, la figura geometrica ottenuta con la giustapposizione di cinque rette che si chiudono intorno ad uno spazio che viene considerato inattaccabile a tutti i livelli.
Nella tradizione ebraico-cristiana cinque indica il numero del Pentateuco, i libri di Mosè che contengono le rivelazioni ricevute da Dio sul monte Sinai. Nella Bibbia il numero cinque assume un significato iniziatico. Secondo gli studiosi di esoterismo si tratta di una connessione con la dottrina di Pitagora che, ponendo questo numero in relazione con il pentacolo, ne fa un simbolo esoterico perfetto. L’essenza del cinque è l’ESPERIENZA, desiderio di libertà, indipendenza e curiosità insaziabile.

 

Nell’immagine a lato, i numeri del corpo umano di Enrico Cornelio Agrippa

Il numero 6 trova la propria espressione simbolica nell’esagramma, il sigillo di Salomone.
Il 6 è ricco di valori simbolici, ed è presente in molte tradizioni religiose. Fu il numero consacrato a Venere per la sua forza cosmica dovuta al raffigurare la linea che da un punto si irradia nello spazio: i quattro punti cardinali, lo zenit, il nadir.
In Cina il 6 è il numero del cielo; per i Maya era un numero femminile. Per gli esoteristi questo numero è considerato l’emblema della natura fisica, dell’uomo, della sua fragilità e dei suoi limiti. Ricordiamo poi il famoso 666, considerato il numero diabolico per eccellenza. La triade del sei è infatti posta in relazione alle tre bestie: il dragone, la bestia che sale dal mare, la bestia che sale dalla terra. Il dragone si contrappone a Dio, la bestia del mare è l’Anticristo, la bestia della terra è il falso profeta. In ogni caso questo numero viene considerato corrispondente all’Anticristo.
L’ essenza del sei è l’ARMONIA. Affermata, ormai, l’esperienza dei cinque sensi, il sei riconosce l’importanza dell’amore e della responsabilità sociale.

Il numero 7 viene definito un numero profetico.
Nella cultura popolare si dice che i settimi figli dei settimi figli hanno poteri soprannaturali. Gli antichi astronomi conoscevano solo sette pianeti, il cui movimento poteva influenzare il destino umano. Essi attribuivano un significato mistico al fatto che ognuna delle fasi lunari duri sette giorni. Nella Bibbia il numero sette assume una grande importanza ed un grande valore mistico; nella Genesi il settimo giorno Dio si riposa, la Grande Bestia dell’Apocalisse ha sette teste.
I Caldei pensavano che questo numero fosse sacro e lo avevano consacrato a due divinità del sole. Il valore sacrale di questo numero è determinato dall’essere composto dall’unione del ternario e del quaternario; un binomio che, nella tradizioni esoterica, costituisce il segno del divino.
In questo modo il simbolismo divino, cioè il tre, e il simbolismo dell’universalità, cioè il quattro, si sono uniti in un’unica dimensione, in cui il mondo spirituale e il mondo fisico sono destinati a convivere.
Il numero 7 è molto importante; è il numero dei pianeti e delle loro divinità, il numero dei vizi capitali. Sette sono i Sacramenti e i doni dello Spirito Santo, sette sono anche i segni della Passione di Cristo. Secondo le tradizioni popolari ogni 7 anni la vita di una persona subisce un cambiamento, una sorta di passaggio da uno stato all’altro. Dal punto di vista negativo, ricordiamo la superstizione basata sulla rottura di uno specchio, che causerebbe 7 anni di disgrazie. Nella cosmologia degli antichi Egizi il 7 corrispondeva esotericamente alla vita eterna.
Nella Bibbia esso è utilizzato 77 volte, e Gesù dice di “perdonare il prossimo 77 volte 7“.
L’essenza del 7 è l’ANALISI. Il 7 dopo essersi preso cura del fisico, si chiude in se stesso e contempla ed analizza il suo posto nell’universo.

Il numero 8 simboleggia l’eterno movimento della spirale celeste ed è anche il simbolo dell’infinito. Nel simbolismo religioso è il numero di beatitudine e della completezza interiore, dell’equilibrio cosmico. Nella tradizione orientale l’8 ha un significato molto importante; otto sono le forme assunte da Shiva e 8 le braccia di Vishnu. Anche nella tradizione cristiana ha un grande significato: infatti l’ottavo giorno è quello della Resurrezione, il simbolo della vita eterna, il giorno in cui si assisterà alla condanna degli empi e al trionfo dei giusti.
Nella tradizione simbolica legata all’architettura, tutte le costruzioni basate sull’ottagono sono simbolo di rigenerazione spirituale; inoltre la sua forma è una mediazione tra il quadrato e il cerchio. Il buddismo parla degli 8 sentieri da percorrere per giungere all’illuminazione.
L’essenza dell’8 è la RICOMPENSA. La forza e l’abilità accumulate con i primi sette numeri sono messe alla prova. L’essere umano verifica le capacità che ha acquisito. Questo è il periodo del karma, in cui l’8 raccoglie ciò che ha seminato.

Il numero 9 è in assoluto il più importante e il più significativo di tutti.
Era considerato particolarmente significativo già nell’Antico Egitto, dove si parlava di divinità identificate dalla parola “PESEDJET” che significa: gruppi di nove. Secondo un mito sacerdotale, il dio ATUM avrebbe fondato la città di Heliopolis e da lui sarebbero nati i discendenti: SHU (aria), TEFNUT (umidità); poi GEB (Cielo), NUT (la terra) ed infine i loro figli: ESE(Iside), USIR(Osiride), SUTECH (Seth) e NEBETHUT(Nefti).
Nell’Antica Cina il nove aveva un ruolo importante. Ricordiamo, per esempio, l’I KING, oppure il “LIBRO DEI RITI”, nel quale sono descritte le nove cerimonie fondamentali: iniziazione maschile, matrimonio, funerale, udienza, ambasceria, orgia rituale, sacrificio, ospitalità e riti militari. Nella sapienza del 9 si è visto spesso un potenziamento magico del numero 3, essendo un suo multiplo. Nove sono i mesi della gestazione per dare alla luce una nuova vita. Nove sono anche le sfere celesti, in contrapposizione ai cerchi infernali. Essendo l’ultimo numero della serie, il 9 è associato alla fine, al traguardo raggiunto, al compimento dell’opera, al più alto grado della conoscenza. E’ anche in netta contrapposizione al numero 6; infatti quest’ultimo ha la forma di una luna calante mentre il nove quello della luna crescente.
Il 9 è costituito dalla somma di tre triadi e si contrappone al diabolico 666; rappresenta il suo opposto ed è anche il suo distruttore: riesce sempre, infatti, ad essere vincitore facendo trionfare la luce sulle tenebre.
L’essenza del 9 è LIBERAZIONE. Il 9 ha conosciuto il potere materiale dell’8; ora sa che questi poteri sono transitori, si è liberato, quindi, del loro condizionamento, e dà importanza alla vera saggezza.

 

Nella numerologia vi sono quattro numeri che possono fornire dati interessanti riguardanti il nostro carattere, il destino e i cicli vitali.
Questi numeri sono determinati dalla data di nascita e dal nome di battesimo. Si può, quindi, costruire un vero e proprio schema calcolando, in modo molto semplice, questi numeri. Questo discorso di solito riguarda le persone, ma gli stessi calcoli possono essere fatti anche per un’impresa commerciale, una nazione o un’idea; basta avere il nome e una data di nascita o di origine.

Vediamo, ora, quali sono le tappe da seguire. La prima tappa consiste nel tradurre il nome nel suo equivalente numerico, utilizzando la tabella che vi presento.

1  2  3 4  5  6  7  8  9 

A B C D E F G H I

J K L M N O P Q R

S T U V W X Y Z

Ad ogni lettera corrisponde un numero. Le lettere dalla A alla I sono numerate da 1 a 9, mentre le altre lettere vengono ridotte ad uno di questi numeri mediante un’addizione. Per esempio la J, che è la decima lettera, diventa 1: 10 =1+0.
La U, che è la ventunesima lettera, si riduce a 3: 21=2+1=3.

I tre numeri riguardanti il nome di battesimo si calcolano sommando i valori numerici di tre diversi gruppi. Prima si calcolano tutte le vocali, poi tutte le consonanti, ed infine tutte le lettere insieme.
Il totale di tutte le vocali del nome viene chiamato il NUMERO DELL’ANIMA. Esso riflette il vero IO interiore, con tutte le sue ambizioni, le sue motivazioni e le attitudini che ci riguardano.
La somma delle consonanti fornisce il NUMERO DELLA PERSONALITA’ ESTERIORE. Esso riguarda l’aspetto fisico, la salute , il giudizio che suscitiamo negli altri. Il totale dell’intero nome è il NUMERO DELLA VIA DEL DESTINO. Esso indica le capacità e i successi dell’individuo e l’influenza che egli esercita sugli altri. Quest’ultimo numero stabilisce anche il percorso che una persona seguirà per raggiungere i propri obbiettivi; sia che riguardino la carriera, o la vita di famiglia o la direzione di un’impresa e descrive anche il tipo di persone che si incontreranno nella vita.

La somma della data di nascita dà il NUMERO DELLE LEZIONI DI VITA.
Esso rivela le lezioni e le verità che una persona deve acquisire nella vita, ed indica lo scopo essenziale dell’esistenza. Quest’ultimo numero si ottiene scrivendo la data di nascita in numeri e sommandoli fino ad arrivare ad una sola cifra. Se per esempio la vostra data di nascita è il 5 novembre 1945, si scrive così: 5+1+1+1+9+4+5= 26, poi 2+6=8.
Il numero della data di nascita è la chiave per interpretare i cicli dell’anno personale, quindi l’insieme di schemi e influenze dominanti, come l’ autoaffermazione, l’armonia, la sicurezza.
Questi schemi vengono messi in atto al momento della nascita e si ripetono in cicli di nove anni per tutta la vita. Il ciclo dell’anno personale spiega dove deve essere concentrata l’energia in ogni periodo di dodici mesi, quasi un compito da svolgere in quell’anno.
Un metodo molto semplice per calcolare il ciclo dell’anno personale in corso è quello di rifarsi all’ultimo compleanno e si sommano i numeri come è stato descritto precedentemente. Gli schemi associati a questo numero partono da quel compleanno fino al successivo. Quindi il ciclo si sposterà avanti di un numero; alla fine del nono anno, il ciclo ricomincia di nuovo. Quindi il numero delle lezioni di vita si ripete nel nono anno di vita di una persona, e poi ogni nove anni.

Dopo aver stabilito i quattro numeri essenziali, vediamo le caratteristiche principali dei vari numeri.
NUMERO 1. E’ un individualista estremo che si sente a proprio agio soltanto quando segue le sue idee e istinti. La sua individualità è il motivo del suo bisogno di libertà e di indipendenza.
Esprime le proprie doti di comando in modo creativo ed originale. E’ un individuo che non vuole assumere posizioni secondarie, desidera sempre controllare l’intera operazione, e lascia i dettagli agli altri. Egli è in grado di imparare di più dall’esperienza diretta che dai consigli e dagli insegnamenti che, in realtà, disprezza. Possiede una natura ardente che gli può provocare degli sbalzi emotivi. E’, però, una persona seria nei suoi impegni, coraggiosa ed intelligente. Queste doti, unite insieme, fanno di questo individuo una fonte di ispirazione nei momenti difficili. Dovrebbe cercare di non diventare arrogante, egoista e testardo.

NUMERO 2. L’individuo che ha il due come numero personale è una persona diplomatica, dotata di un forte desiderio di pace e armonia. E’ in grado di sintonizzarsi perfettamente con i sentimenti e gli umori degli altri, al punto da assimilare completamente le loro idee, ed avere delle difficoltà nel prendere delle decisioni. E’ un individuo dotato di una rara sensibilità, che interagisce con gli altri in modo molto naturale, restando sempre in secondo piano, senza mai diventare invadente. Grazie alla sua particolare sensibilità è attratto dalla natura, che lo commuove profondamente; possiede un profondo senso del ritmo e dell’armonia, per questo è attratto dalla musica e da tutte le forme dell’arte. Ha una natura sincera e disponibile ed una particolare abilità nel saper considerare tutti gli aspetti di una situazione. Queste caratteristiche fanno di lui un partner ideale che deve, però, evitare di essere ipersensibile ed indeciso, cercando di combattere i sentimenti di inferiorità che può provare nei confronti del prossimo.

NUMERO 3. E’ il più immaginativo e creativo di tutti i numeri e dona, a chi lo possiede, un carattere molto espressivo e creativo. Questo individuo ha grandi capacità di comunicazione e di influenza sugli altri. Con lui si ha sempre l’impressione di trovarsi davanti ad un palcoscenico, dove si rappresenta un’opera in cui egli è il protagonista. Ha un’indole vivace ed espressiva, è un polo di attrazione per gli altri, come lo è, d’altronde, anche il suo aspetto esteriore. Dà molta importanza al suo aspetto fisico, e le sue azioni dipendono dall’impressione che esercita sul prossimo. E’ un grande sognatore e mantiene sempre un atteggiamento positivo che lo aiuta molto nella vita, portandogli, spesso, risultati altrettanto positivi. E’ una persona eclettica ed estroversa; e queste sue caratteristiche gli permettono di avere molte amicizie con persone di diversa cultura ed estrazione sociale, donandogli  la possibilità di ampliare le sue conoscenze. Deve porre attenzione a non sprecare in modo esagerato le proprie energie, che; comunque, possiede in abbondanza. Deve raggiungere un maggior equilibrio, quindi, ed imparare a dosarsi, evitando  un atteggiamento sciocco e superficiale.

NUMERO 4. Il determinato e prudente quattro è una persona molto solida sulla quale si può contare come valido sostegno nei momenti difficili. E’ una persona fidata, un amico ed un partner prezioso che costruisce solide basi per il futuro. E’ un tipo parsimonioso e risparmiatore che rispetta la legge e l’ordine. Ama il proprio lavoro, del quale è orgoglioso, perché lo vede come l’espressione della propria personalità. E’ un amante della natura, un ecologista che si interessa ai problemi dell’ambiente. Ama fare escursioni in montagna e si interessa di giardinaggio. E’ un individuo dotato di numerosi talenti, anche per quanto riguarda le questioni finanziarie. Al negativo, rischia di diventare testardo ed avido dando troppa importanza al denaro e al lavoro.

NUMERO 5. Amante della libertà e dell’indipendenza, l’individuo 5 ha una curiosità insaziabile; con essa filtra i suoi incontri e, dopo, decide sul futuro. Questa sua curiosità investe tutti gli aspetti della vita. Impulsivo e irrequieto, grande comunicatore, ha un enorme bisogno di libertà e di movimento per raccogliere quante più esperienze può nella vita, e soddisfare, così, il suo carattere. Ama le novità, i cambiamenti che gli permettono di acquisire nuove esperienze. Ha una mente molto ricettiva, si adatta facilmente alle situazioni e riesce ad integrarsi facilmente in qualsiasi ambiente con facilità. L’attività mentale, per lui, è molto importante e necessaria per il suo benessere psicofisico. E’ una persona versatile con grandi doti di simpatia, in grado di parlare di qualsiasi argomento , e possiede grandi abilità di mimo, con le quali, spesso, fa divertire gli altri. E’ l’amico ideale che sa diventare l’anima delle feste e degli incontri in compagnia. E’ una persona efficiente che non sopporta i lavori monotoni e noiosi. Deve imparare a dominare il suo carattere estroverso e deve cercare di rimanere sempre ciò che è realmente: una persona franca e sincera.

NUMERO 6. Dotato di temperamento artistico, l’individuo 6 ama l’armonia, l’arte e la bellezza. La famiglia e l’amore rappresentano, per lui, i valori pi=ù importanti ai quali dedica la sua vita. Possiede un grande senso estetico e lo si può notare, soprattutto, per come sa abbellire la propria casa, ed è un perfetto cuoco. Rappresenta l’amico e il confidente ideale: sa ascoltare gli altri ed andare al cuore dei problemi, aiutando il prossimo a risolverli. Se lavora fuori casa, il suo innato senso estetico fa’ sì che cerchi di abbellire l’ambiente dove lavora, portandovi anche ordine ed armonia. Se la sua professione riguarda il mondo della legge, è pronto a lottare con tutto se stesso per far valere la giustizia e l’equilibrio. E’ una persona generosa che ama il suo prossimo ed è tollerante. Al negativo deve porre attenzione a non diventare schiavo o vittima degli altri , per poi recitare la parte del martire.

NUMERO 7. Pensatore ed idealista, il 7 è l’individuo che analizza le situazioni passate ed è pronto ad affrontare la vita con coraggio. E’ un personaggio silenzioso e meditativo che si sente disturbato dal rumore e dalla folla. Per questo motivo tende ad isolarsi, per dare spazio alla sua fantasia creativa di vagare alla ricerca della perfezione. Possiede un intuito ed una natura analitica piuttosto rare che fanno di lui un profeta in grado di prevedere gli eventi futuri. Sa comprendere molto bene la natura umana, e non è facile trarlo in inganno, dato che non si ferma alle apparenze, ma va al di là degli eventi nel profondo delle situazioni. Essendo un introverso, egli resta un mistero per molti. Non accetta le idee convenzionali, ma di solito cerca le sue che, spesso, ritrova nella cerchia di tradizionali istituzioni educative e religiose. Il 7, però, deve porre attenzione alla propria introversione: deve imparare a prestare ascolto alle idee degli altri, ai loro consigli, e non deve permettere ai suoi modi distaccati di allontanarlo troppo da coloro che ama.

NUMERO 8. L’individuo 8 possiede la saggezza nata dall’esperienza; egli ora raccoglie ciò che ha seminato grazie agli sforzi compiuti nel passato. Questo è il periodo del karma in cui egli si apre al mondo per stabilire la sua autorità; è il tipo del dirigente in tutti i campi. Possiede ottime capacità organizzative e manageriali e viene considerato da tutti come un vero e proprio leader. Perfetto conoscitore del valore del denaro, questa sua caratteristica fa’ sì che egli, avendo un grande senso della realtà in campo economico, diventi una vera e propria autorità in materia di finanza. E’ un grande lavoratore, disciplinato e prudente e questo gli permette di raggiungere delle posizioni di potere. Non si fida della fortuna, in essa egli non crede affatto; fa, invece, affidamento sulle proprie capacità di ingegnosità e costanza per raggiungere i propri obbiettivi. Non conosce mezze misure, la sua grande ambizione lo spinge alla ricerca continua del successo. Nel corso della vita egli deve imparare ad accettare e ad esercitarle con giustizia, perché le sue azioni hanno grandi ripercussione nel mondo intorno a lui. E’ necessario, quindi, che come amministratore di risorse materiali egli acquisti la capacità di maneggiarle con saggezza e rispetto. Attenzione ai colpi bassi a danno degli altri: portano spesso alla disfatta; deve, quindi, cercare di evitare tali comportamenti negativi.

NUMERO 9. L’individuo 9 può essere definito come il filantropo che reca con sé la luce della saggezza. Egli ha compreso che i beni materiali sono transitori, e che perché esista nella vita un giusto equilibrio essi devono tornare a chi li ha dati. Prova facilmente amore e pietà per il suo prossimo, indipendentemente dalle barriere sociali e razziali. Essendo un generoso per eccellenza, e comprendendo di far parte di un tutto più grande, egli concede generosamente agli altri il proprio tempo e le proprie risorse. E’ alla ricerca della vera saggezza, e il suo più grande desiderio è che il mondo diventi, per tutti, un luogo gradevole in cui vivere. Questo individuo sente di appartenere alla grande famiglia universale, e lascia spesso che gli eventi seguano il loro corso naturale e spontaneo, verificandosi nel momento giusto. Gli altri sono attratti dalla sua saggezza e tolleranza; è una persona di larghe vedute che, spesso, si rivela essere profetica. Egli deve imparare a vivere questa sua filosofia di saggezza interiore, perché rappresenta un esempio per gli altri. Il suo grande senso umanitario fa sì che egli segua i suoi impulsi con grande naturalezza; attenzione, però, a non diventare egoista e superficiale.

 

Autore: Emanuela Cella Ferrari
Messo on line in data: Maggio-Luglio 2002