MANIFESTO DELLA NEW COMEDY OF ART di Alexandra Celia

In Principio

In un antico tempo di un remoto luogo, al calar del Carro alato, la Musa Melpomene – e in questa visione d’altri eoni, un dipinto ci illumina lo spirito, quando Gustave Moreau diede l’opera di Esiodo e le Muse (1891) – l’aureo scettro consegna a un prode saggio greco.

Nove son le Muse celestiali,
sotto l’eterea protezione del fuoco di Febo Apollo,
van festose per l’universo cantando inni
a Zeus il divino, il Supremo creator.
Colui che il ‘sacro dono’ offrì alle amate figlie,
le Muse ispiratrici d’Arte e sapienza…
E la Grazia  purificatrice sugli Eletti discese,
come pioggia di diamanti
scheggiati dagli azzurri, soffusi riflessi.

 

Nell’immagine a lato,
“Esiodo e le Muse” di Gustav Moreau
© Wikipedia

 


Roma, Anno Domini 2012, Febbraio

All’eterna città vanto di antiche glorie, vestigia e titaniche imprese di conquista che immortale la forgiano. Generatrice di mitiche leggende misteriose, divini Imperatori, supremi Generali, giunge l’eco sonoro di un sussurro: “Dio salvi la Regina“…

 

Scarica il file in formato .pdf Manifesto della New Comedy

 

Autore: Alexandra Celia
Messo on line in data: Aprile 2012