INCONTRO CON L’AUTORE: Bianca Venere (Venus)

Cinque domande e un questionario per Bianca Venere (Venus), autrice di Promessa di Samhain (clicca qui per la recensione).
Siciliana, neo-pagana e strega a stampo hawaiano, è amministratrice della pagina FB “Se fossi una strega”, che le ha dato notorietà negli ultimi anni, a cui si è aggiunta “Se fossi una strega hawaiana”, in cui parla della sua pratica spirituale e del Pantheon degli dei che la hanno “chiamata”. La pagina ha lo scopo di sensibilizzare e istruire sulla vera religione delle Hawaii, sfatando i tanti miti studiati a tavolino che oggi vanno di moda.

 

LE DOMANDE

A – Qualcosa su di te e sui tuoi esordi di scrittrice.
Che dire!? Innanzitutto un immenso GRAZIE per questa magica opportunità! Qualcosa su di me… beh io, mi sento la persona più semplice e normale del mondo. Molti vedono nel proprio essere Strega qualcosa di ‘’particolare’’ se non peggio, di ‘’alternativo’’. Sinceramente io non sono così: se è vero che la Stregoneria fa parte del mio Essere, allora per me… anche se ho dovuto studiare anni per conoscerla essendo nata in una famiglia totalmente estranea a questa realtà… è una delle cose più naturali del mondo e dunque del mio stesso essere. Promessa di Samhain ha molto di magico, di stregonico, di spirituale e di romantico. E’ il mio primo libro, per me è come se fosse un bambino in carne ed ossa a cui ho dedicato tempo, amore e passione. L’ho scritto per mandare un messaggio, non per diventare famosa, e spero che questo messaggio possa arrivar

B – Come ti è venuta l’idea di scrivere questo libro e di che cosa parla.
Scrivo storie fin da quando ero bambina, ma non le ho mai fatte leggere a nessuno se non a me stessa. Promessa di Samhain ha un inizio molto triste e negativo: nel 2015 circa una pagina Facebook pagana aveva indetto un concorso online per Halloween-Samhain diviso per categorie. Ricette di cibi a tema, fotografia, testimonianze folcloristiche e… racconti brevi.
Ero molto entusiasta per quella consegna e decisi subito di parteciparvi nella categoria dei racconti! L’idea mi venne per istinto, subito, immediatamente come se fosse stata nascosta dentro di me e bramava di vedere la luce! Partecipai, ma poi si scoprì che quel concorso (come moltissimi nelle pagine pagane su Facebook) era finto. Ci furono molte lamentele da parte dei partecipanti e io, come le altre Streghe che parteciparono, ci rimasi malissimo.
Tuttavia per me quel racconto che avevo scritto per quel concorso diventò ancora più importante e il fatto che quest’ultimo non poteva vedere la luce perché a quanto pare era un semplice concorso ‘’acchiappalike’’ per coloro che si iscrivevano… mi fece soffrire, ma poi vidi tutto da un’altra prospettiva, come la carta dell’Appeso, e così iniziai a ringraziare. Ringraziai perché quel racconto breve, a cui avevo dedicato la mia Anima, poteva essere grazie a quell’impossibilità di partecipare a quel finto concorso…qualcos’altro. Poteva essere qualcosa di più! Poteva diventare un vero e proprio libro.
Promessa di Samhain è una specie di manuale, perché spiega a mo’ di infarinatura ‘’a-chi-NON-sa’’ la Religione Wicca. Personalmente mi sono discostata da questo Sentiero, ma è da lì che provengono i miei studi e la mia presa di consapevolezza e la realtà non può essere negata! Mi sarebbe piaciuto parlare di Paganesimo Antico vero e proprio ma… appunto, proprio perché è un libro di presentazione sia per me verso la mia famiglia e sia per i lettori che non conoscono… parlare di Wicca mi è sembrata la scelta migliore, essendo un tipo di Religione che non fa scandalizzare troppo e che al contrario fa calmare e rilassare chi-NON-sa verso il nostro Mondo! Magari per un progetto futuro sarò più “pagana’” che “wiccan”, ma già soltanto per la Wicca, per farla conoscere alla mia famiglia, è stato un vero e proprio atto di coraggio! E’ ambientato a Triora, un luogo che vorrei tanto visitare, dove Moira, la protagonista, una liceale dai capelli tinti di ros, appassionata da sempre di Magia e desiderosa di riporre la sua Fede in Qualcosa o Qualcuno, trova Alex e Pia, madre e figlio titolari di un negozio di magia e pagani da generazioni. Grazie a loro scoprirà il mondo della Wicca, la storia che si cela dietro il Cristianesimo e le sue festività, la Vera Magia e… il Vero Amore. 

C – Come vivi la tua spiritualità.
Vivo in una casa molto piccola con i miei genitori e tanti animali salvati e adottati, dunque non mi sento mai, purtroppo, così tranquilla e rilassata, anche perché non c’è quasi mai silenzio e per immergersi nella Natura, senza macchine che ti fanno ancora sentire la città e senza altre persone… dove vivo io non è molto facile raggiungerla. Come ho sempre detto e mai nascosto, sono costretta a ritualizzare nel bagno proprio come Hermione in Harry Potter e la Camera dei segreti perché semplicemente non ho privacy. Non avere privacy è un grosso blocco, soprattutto per i neofiti, ma se la propria Anima ti fa capire che è davvero questo il tuo Percorso… la privacy alla fine diventa una semplice scusa per non praticare, per non ritualizzare e, peggio di tutto, non studiare!
Dunque a parte le celebrazioni per i Sabbat e per gli Esbat, vivo la mia spiritualità molto all’interno di me stessa e anche se vorrei accendere quell’incenso in più senza sentirmi dire “Cos’è questo odore di chiesa?“… è qualcosa di molto molto intimo e personale, di sacro e di magico da tutti i punti di vista! 

D – Scrittori preferiti o ai quali ti ispiri.
Ho letto da qualche parte che J.K. Rowling è stata considerata come una sciamana e questo mi ha molto colpito dato che amo la sua opera, Harry Potter, fin da quando ero ragazzina e non sapevo nulla di paganesimo, sciamanesimo e quant’altro quando mi appassionai alla sua scrittura! Noi fans la chiamiamo ‘’Zia Row’’ ed è davvero come se fosse una zia acquisita per me. Apprezzo moltissimo Monica Grando, autrice di Amore Quantico, un libro che come dice lei stessa e che ho sperimentato più volte, può essere usato a mo’ di oracolo; parla di Amore incondizionato, di Amore puro, di un tipo di Amore che va oltre l’Amore. Mi ispiro tuttavia a Scott Cunningham anche se da molti viene considerato ‘’superato’’. Lui mi ha insegnato moltissimi argomenti e pratiche… è come se fosse un mio Maestro vero e proprio che mi segue e mi consiglia, come se fosse accanto a me in forma fisica ogni volta che apro la pagina di un suo libro qualsiasi, come se leggendo i suoi libri, pensassi: “E’ esattamente questo che volevo intendere io stessa“. Alle volte mi sento essere lui leggendo le parole dei suoi libri e mi sale un brivido lungo la schiena, perché è stata un’Anima che penso poteva davvero risuonare perfettamente in accordo con la mia. Inoltre… l’epifania della tradizione che poi avrei seguito l’ho avuta proprio grazie a lui. E’ la mia Guida letteraria stergonica, a tutti gli effetti.

E – Progetti per il futuro.
Voglio migliorare sempre di più sia come persona sia come Strega neo-pagana per me e per chi segue la mia pagina da tanti anni. Come progetti di scrittura… ho in mente altri due libri. Non romanzi ma qualcosa di più particolare, ma non posso parlarne troppo… top secre.

 

IL QUESTIONARIO

1) Venus in tre aggettivi.
Dolce, Mistica, Misteriosa (non me li sono dati da sola, ma sono aggettivi che mi sono stati dati da amici e che nel descrivermi in questo modo mi hanno emozionata).

2) Il mio peggior difetto.
Troppo ansiosa quando non dovrei esserlo.

3) La mia dote migliore.
La dolcezza.

4) Le qualità che preferisco in un uomo.
Prontezza di spirito, telepatia, farti sentire compresa, protetta e che non ti prenda in giro neanche per scherzo!

5) Le qualità che preferisco in una donna.
Non darsi mai per vinta, il voler offrire qualche volta lei e non fare offrire e pagare i conti solo al proprio partner o amico maschio che sia, esprimere la libertà sacra femminina, ma che non venga usata per i propri tornaconti personali o per sfruttare la propria immagine, ma al massimo per sensibilizzare e divulgare in maniera sana la sacralità del femminino sacro.

6) Quello che apprezzo di più nei miei amici.
Che mi sostengono e supportano sempre e che se abbiamo pareri diversi, mi rispettano tranquillamente come io rispetto loro.

7) Quello che non sopporto nei nemici.
La loro esistenza ahahaha! Ma alla fine invece sono grata perché cresco e maturo anche grazie a loro!

 8) Cosa sognavo di fare da grande.
La scrittrice è troppo scontato!?  

9) Il dono di natura che vorrei avere.
Più fiducia in me stessa.

10) La mia decisione sbagliata che correggerei, se potessi.
Aver dato fiducia e amicizia a chi alla fine… non se la meritava.

11) La cosa più pazzesca che ho fatto.
Assistere al parto di alcune gatte del mio giardino fin da piccola ed è sempre un’emozione * _ * 

12) Il capriccio che non mi sono mai tolta.
Farmi i capelli rosa come Moira, la protagonista del mio libro.

13) Cosa sarei capace di fare per sostenere quello in cui credo.
Tutto tranne perdere la mia dignità, etica e moralità.

14) Che cosa cambierei negli altri se avessi la bacchetta magica.
Darei un po’ di empatia in più.

15) Che cosa cambierei in me se avessi la bacchetta magica.
.Vorrei rendermi più sicura di me stessa 

16) Il paese dove vorrei vivere.
Germania, dove ho lasciato un pezzo del mio Cuore.

17) Il colore che preferisco.
Giallo. Ne vengo attratta peggio delle api!

18) L’animale che preferisco.
Il camaleonte, è di una simpatia incredibile.

19) L’animale che vorrei essere.
Uno squalo martello, la sua eleganza e grazia hanno qualcosa di sbalorditivo.

20) Il mio passatempo preferito.
Leggere, ascoltare musica, creare misture per incensi e incantesimi.

21) Cinque libri da portare su di un’isola deserta.
L’enciclopedia delle piante magiche di Scott Cunningham, 
Le porte della Luna di Devon Scott, Il codice da Vinci di Dan Brown, Donne che corrono coi lupi di Clarissa Pinkola Estes, Dentro soffia il Vento di Francesca Diotallevi.

22) I peccati che mi ispirano maggiore indulgenza.
Lussuria, Gola, Avarizia. 

23) I peccati che non riesco a perdonare.
Superbia, Ira, Invidia, Accidia.

24) Il mio motto.
Chi non riconosce l’importanza del proprio bambino interiore nella sua Vita ha già perso.

25) Come vorrei morire
Con l’Amore della mia Vita, insieme.

 

Autore: Redazione
Messo on line in data: Dicembre 2018