Category: Narrativa

narrativa

RACCONTO: LA PAPESSA di Rossana Tinelli

La chiromante uscì dalla stanza. Le luci della strada filtravano dalle fessure sottili delle persiane e tracciavano ritagli luminosi sulle pareti silenziose. I tarocchi erano sparsi sul tavolo, al centro spiccava una carta staccata...

narrativa

RACCONTO: IL CAVALIERE DELL’ALBA di Rossana Tinelli

Il Cavaliere dell’Alba esce dal suo castello merlato per spezzare il buio dell’Imperatrice della Notte. Il suo cavallo dal colore rosa-bianco bagnato di rugiada del mattino, batte gli zoccoli sulla fredda roccia rimasta senza...

narrativa

RACCONTO: IL MIETITORE di Giovanni Soriano

Partendo da uno degli innumerevoli piccoli paesi che si susseguono lungo la Riviera degli Ulivi e seguendo una mulattiera che si insinua contorta lungo le pendici del monte Baldo, con notevole perseveranza e un...

narrativa

RACCONTO: LO SPECCHIO DI TIRESIA di Giovanni Soriano

Stamattina il cielo era coperto. Una coltre plumbea di nubi sovrastava la città soffocata dall’afa estiva. Purtroppo io detesto muovermi da casa, ma ci sono costretto per le incombenze banali della vita quotidiana: devo...

narrativa

RACCONTO: MELISSA di Giovanni Soriano

Io lo so perfettamente che devo morire e, in pratica, non me ne importa granché. Da circa dieci giorni me ne sto confinato a letto in questa camera che sa di malattia e di...

narrativa

RACCONTO: IL RADUNO DI MEZZANOTTE di Giovanni Soriano

Qualche mese fa, in una sera piovosa d’ottobre udii per la prima volta le voci sommesse che sussurravano negli angoli. Erano bisbigli quasi impercettibili. Non vi feci molto caso: la mia vita è sempre...

narrativa

RACCONTO: LA GATTA di Giovanni Soriano

Sono le due e trenta del mattino e io urlo come un ossesso rincorrendo la gatta per tutta la casa. Devo acchiapparla per farle scontare il tavolo di legno intarsiato che la signorina ha...

narrativa

RACCONTO: LA DEA MALVAGIA di Giovanni Soriano

  “Dal Tempo fluiscono gli esseri contingenti, Dal Tempo essi avanzano verso lo sviluppo. Nel Tempo, ancora, essi ritornano a casa“. Upanishad I demoni del pomeriggio sono i più terribili da sopportare; s’addensano invisibili...

narrativa

RACCONTO: LA STORIA DI ERNIE SHAW di Marica Petrolati

La nascita di Ernie Shaw, e la sua esistenza in generale, sarebbe probabilmente rimasta dominio esclusivo di quanti ebbero l’occasione di conoscerlo direttamente, e questo, in termini numerici vale a dire si e no...

narrativa

RACCONTO: L’ULTIMO SALTO di Nirav Mangal

Il locale, un bar-pizzeria-balera, è praticamente vuoto, cinque o sei persone, non di più. Giovanni, con sua moglie Rina, è seduto ad uno dei tipici tavoli in legno da pizzeria e sorseggia una birra;...

narrativa

RACCONTO: BALACH, LUCI NEL BOSCO di Nirav Mangal

– Balach, vieni a vedere! – Lasciami in pace, Eli, dopo pranzo devo riposare, altrimenti… – Se non ti muovi come fai a digerire? Hai mangiato quasi un coniglio da solo! Vieni, dai! –...

narrativa

RACCONTO: CELESTE di Nirav Mangal

La vedo, mi avvicino e la guardo, poi la mia mano destra si muove e va a poggiarsi sul suo ventre, sulla pancia; resto in quella posizione qualche secondo poi mi stacco, lei non...

narrativa

RACCONTO: LA MAREA di Antonio Messina

Il fiume scendeva lento incespicando tra le rocce ben levigate che ogni tanto s’ergevano sul pelo dell’acqua. Il cielo limpido copriva di luce le cose, una luce brillante e invasiva che penetrava negli occhi...

narrativa

RACCONTO: L’OMBRA NELLA BOTTIGLIA di Antonio Messina

Primavera, Aprile. Anno imprecisato. Il cielo era magnifico, libero da nuvole al centro, velato appena nella parte inferiore da uno strato sottile di polvere luccicante. Stelle a grappoli, e onde lievi a levigare il...

narrativa

RACCONTO: LA POETA di Mafalda Frungillo

Agata era il suo nome di battesimo. Nata nelle campagne lombarde, in una zona dove si produce del buon vino e dell’ottimo spumante, crebbe in una famiglia dove la povertà aveva il pregio di...

narrativa

RACCONTO: UNA VITA SPRECATA di Mafalda Frungillo

Nino era completamente apatico. Doveva andare al lavoro. E questa era una cosa che faceva senza obiettare e, comunque, anche in casi eccezionali. Non vi rinunciava. Era qualcosa che faceva tutti i giorni, dal...